RASSEGNAstampa

DETRAZIONI FISCALI PER INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

DETRAZIONI FISCALI PER INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

On line la piattaforma per l’invio della documentazione

Categorie: Lavoro e Servizi

Tags: riqualificazione,   Energia

Il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Enea hanno attivato una piattaforma per l’invio delle informazioni relative agli adempimenti per le detrazioni fiscali del 50%, previste dalla Legge di bilancio 2018, in caso di interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. 

Il beneficio interessa esclusivamente gli interventi realizzati nel 2018 e i dati vanno trasmessi all’Enea entro 90 giorni dalla fine dei lavori o dal collaudo; 90 giorni che decorrono dal 21 novembre per i lavori già conclusi.

Il sito è online all’indirizzo https://ristrutturazioni2018.enea.it/index.asp

 

Per aiutare gli utenti a risolvere i problemi di natura tecnica e procedurale sul portale ENEA acs.enea.it sono disponibili un vademecum, risposte alle domande più frequenti (FAQ), la normativa di riferimento e un servizio di help desk a cui inviare eventuali quesiti.

Gli interventi ammissibili alla detrazione riguardano:

riduzione delle dispersioni termiche di pareti verticali,

coperture e pavimenti,

sostituzione di infissi,

installazione di collettori solari,

sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione,

generatori di calore ad aria a condensazione,

pompe di calore per climatizzazione degli ambienti,

sistemi ibridi,

microcogeneratori,

sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore,

installazione di generatori di calore a biomassa,

installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati,

sistemi di termoregolazione e building automazione,

impianti fotovoltaici,

installazione di elettrodomestici di classe energetica elevata collegati ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1° gennaio 2017.

La “Scheda descrittiva dell’intervento” da inviare all’ENEA va firmata da un tecnico abilitato solo nei casi in cui è prevista l’asseverazione, come esplicitato nel vademecum e nella stessa scheda descrittiva.

 

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x