leNOTIZIE

SISMA 2012: CONTRIBUTI PER MIGLIORAMENTO SISMICO EDIFICI A DESTINAZIONE PRODUTTIVA DANNEGGIATI

Riaperti termini per la presentazione delle domande al 2 settembre 2019

Categorie: Bandi e Contributi

Tags: contributi,   sisma,   2012

Il Presidente della Regione Emilia-Romagna in qualità di Commissario Delegato intende sostenere le imprese insediate nelle aree colpite dal sisma, attraverso un contributo sulle spese sostenute per il miglioramento sismico e per l’ottenimento della certificazione di agibilità sismica dei fabbricati destinati ad attività produttive, di qualsiasi tipologia costruttiva, ai sensi di quanto previsto dall’art. 3, comma 7 e ss. del Decreto Legge 6 giugno 2012 n. 74, “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012” in G.U. n. 131 del 7 giugno 2012, convertito con modificazioni dalla L. 1 agosto 2012 n. 122 (D. L. n. 74/2012).

 

Beneficiari

Al fine di favorire la piena ripresa delle attività produttive garantendo condizioni di sicurezza adeguate, possono presentare la domanda le imprese appartenenti a tutti i settori di attività economica Ateco 2007, ad eccezione della sezione A “Agricoltura, silvicoltura e pesca” (si fa riferimento esclusivamente al codice di attività prevalente, indicato dal certificato di iscrizione al registro delle imprese presso la CCIAA, della sede/unità produttiva in cui si realizza l’intervento) che:

A. hanno sede legale e/o sede operativa e/o unità locale destinataria dell’intervento, in uno dei Comuni dell’Emilia-Romagna elencati nell’allegato 1 all’ordinanza.

B. esercitano, o esercitavano al momento del sisma, l’attività all’interno dell’immobile oggetto dell’intervento o in qualità di proprietari abbiamo messo a disposizione l’immobile ad uso produttivo sulla base di un regolare titolo giuridico ad altra impresa che eserciti, o esercitasse al momento del sisma, nello stesso la propria attività.

 

Iniziative ammissibili

Ai fini del riconoscimento della loro ammissibilità, le spese indicate per gli interventi (esclusivamente di miglioramento sismico), dovranno essere sostenute a partire dal giorno 20 maggio 2012 e non oltre il 10 dicembre 2018 per gli interventi già realizzati o non oltre il 31 ottobre 2019 per gli interventi ancora da realizzare a valere anche per le Ordinanze n. 91 del 29 luglio 2013 e ss.mm.ii, n. 26 del 22 aprile 2016 e ss.mm.ii e n. 13 del 15 maggio 2017 e ss.mm.ii, fatto salvo quanto disposto al punto 4.2 del bando relativo alle domande presentate dalle imprese prima dell’effettuazione degli interventi di miglioramento sismico.

Le spese ammissibili riferite agli interventi per i quali si presenta la richiesta di contributo, dovranno essere coerenti con quanto previsto dall’art. 3 del decreto legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito nella legge 1° agosto 2012, n. 122 e con gli obiettivi e le finalità indicate nel bando e possono riguardare interventi di miglioramento sismico già effettuati o interventi di miglioramento sismico ancora da effettuare, secondo quanto dettagliatamente esposto nel bando.

Sono considerate ammissibili le spese tecniche di progettazione, esecuzione, direzione lavori, verifica e ove previsto collaudo, nonché la spesa relativa al rilascio del certificato di agibilità sismica e le spese connesse alla presentazione della domanda, nel limite massimo del 10% del totale degli interventi realizzati oggetto di ciascuna domanda.

Saranno escluse le domande la cui spesa ritenuta ammissibile risulti inferiore a € 4.000,00.

 

Contributi

L’agevolazione prevista nel bando consiste in un contributo in conto capitale fino ad una misura massima corrispondente al 70% della spesa ritenuta ammissibile.

Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare, tenuto conto anche delle concessioni riferite alle Ordinanze 23/2013, 52/2013, 91/2013, 158/2013, 75/2014, 25/2015, 53/2015, 26/2016 e 13/2017, Euro 149.000,00 per singola impresa beneficiaria, nel caso di interventi, anche su più immobili, finalizzati al solo miglioramento sismico (contributo riferito alle spese ammissibili dei paragrafi 4. 1, 4.2 e paragrafo 6).

I contributi sono cumulabili con altri contributi concessi per le stesse opere da altre pubbliche amministrazioni, se esplicitamente previsto nei provvedimenti medesimi e nel rispetto dei limiti di cumulo di cui alle apposite notificazioni ai sensi dell’art. 107.2 punto b del Trattato.

I beneficiari sono tenuti a fornire tutte le informazioni utili ad evitare il rischio di sovracompensazione.

Il contributo di cui al bando viene concesso ai sensi e nel rispetto del Regolamento (UE) 1407/2013 “de minimis”. A tal fine l'impresa dovrà depositare, insieme alla domanda di contributo, apposita dichiarazione “de minimis”, utilizzando il fac-simile allegato all’Ordinanza.

 

Procedure e termini

La domanda di contributo, comprensiva dell’imposta di bollo, deve essere compilata tramite la specifica applicazione web, le cui modalità di accesso e di utilizzo sono disponibili sul sito internet www.regione.emilia-romagna.it/terremoto. Sarà possibile presentare la domanda a partire dal 2 settembre 2019 fino ad esaurimento delle risorse di cui all'articolo 10, comma 13 del D.L. 22.6.2012, n. 83, convertito con modificazioni dalla legge 7.8.2012, n. 134, assegnate alla Regione Emilia-Romagna dal DPCM 28 dicembre 2012 

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x