newsTECNICHE

VARIAZIONI IN DIMINUZIONE IVA A CAUSA DI PROCEDURE ESECUTIVE RIMASTE INFRUTTUOSE

Chiarimenti

Categorie: Contabilità e Fisco

Tags:

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’istanza di consulenza giuridica n. 2 del 24/01/2019, ha chiarito che l’effettuazione delle variazioni in diminuzione dell’Iva per mancato pagamento in tutto o in parte a causa di procedure esecutive rimaste infruttuose è ammessa nei casi previsti dall’art. 26 del D.P.R. n. 633/1972. Nei casi dubbi continuano a trovare applicazione le indicazioni di ordine generale contenute nella Circolare n. 77/2000.

L’infruttuosità di una procedura esecutiva deve essere accertata dall’ufficiale giudiziario o dal giudice dell’esecuzione e non può dipendere dall’arbitrio del creditore pignorante.

Inoltre Assonime, con la Circolare n. 2 del 29/01/2019 “Imposta sul valore aggiunto: variazioni in diminuzione a seguito di procedure esecutive individuali infruttuose”, ha illustrato gli ultimi orientamenti dell’Agenzia delle Entrate riguardo ai requisiti richiesti per il recupero dell’Iva da parte del creditore che abbia subito l’inadempimento del cliente (consulenza giuridica n. 2 del 24/01/2019 e risposta ad interpello n. 64 del 09/11/2018).    

Tag:

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x