newsTECNICHE

ANF – ARRETRATI SUPERIORI A 3.000 EURO

Comportamento Inail non ancora lineare

Categorie: Lavoro e Previdenza

Tags:

L’Inps torna sul tema “assegno per il nucleo familiare” dopo l’introduzione del sistema di determinazione dell’importo dell’assegno da parte dell’Istituto (circolare 45/2019 e successivi chiarimenti). 

Si tratta dei messaggi 3119 del 26-08-2019 e 3134 del 28-08-2019. Purtroppo ci sembra che anche in questa occasione il comportamento dell’Istituto non sia lineare.

Ricapitoliamo brevemente la situazione, almeno in base alle ultime indicazioni.

Il messaggio n. 1777/2019 aveva previsto che, con l’introduzione delle nuove modalità di esposizione dei dati nell’Uniemens, dalla dichiarazione contributiva di luglio 2019 non fosse più necessario trasmettere flussi di regolarizzazione per arretrati di importo maggiore di 3.000 euro.

Il messaggio n. 2815/2019 ha rinviato l’introduzione delle nuove modalità di compilazione alla denuncia contributiva di competenza del mese 09/2019. Il messaggio 3119 ha chiarito che in tali periodi gli arretrati di importo superiore a 3.000 devono quindi essere richiesti attraverso una pratica di vigilanza. 

Resosi conto del fatto che le nuove norme avrebbero penalizzato i datori di lavoro, l’Istituto ha previsto (messaggio 3134) che per la sola competenza di luglio 2019 il recupero degli ANF arretrati dovesse avvenire con pratica di vigilanza soltanto per importi superiori a 20.000 euro. 

Questo significa per il mese di agosto 2019 gli arretrati sopra i 3.000 dovranno essere richiesti con pratica di vigilanza mentre da settembre il recupero avverrà direttamente attraverso il flusso Uniemens, senza limite di importo.

Tag:

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x