newsTECNICHE

NUOVI MINIMALI E MASSIMALI INAIL

Validi dal 1 luglio 2019

Categorie: Lavoro e Previdenza

Tags: minimali,   massimali

L’Inail ha pubblicato la circolare n. 25 del 23 settembre 2019, rendendo nota la rivalutazione del minimale e del massimale di rendita, con decorrenza 1° luglio 2019, così come determinato dalla circolare del Ministero del Lavoro n. 95 del 2 agosto 2019 (pubblica su sito ministeriale dal 6 settembre 2019).

L’istituto conferma che a seguito della variazione registrata dall'Istat pari all'1,10%, sono state rivalutate, a decorrere dal 1° luglio 2019, le prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale nei settori: industriale, agricolo, medici radiologi e tecnici sanitari di radiologia autonomi.

Rammentiamo che alla rivalutazione delle prestazioni economiche per le rendite sono agganciate le retribuzioni imponibili di riferimento per il versamento del premio per alcune categorie di lavoratori assicurati, che decorre normalmente dal primo luglio di ogni anno e con valenza sino al 30 giugno dell'anno successivo. 

Di seguito si riportano i nuovi minimali e massimali di rendita del settore industria dal 1° luglio 2019. 

Pertanto, i minimali e massimali annui del settore industria dal 1° luglio 2019 saranno i seguenti:

·              LIMITE MINIMO EURO 16.554,30;

·              LIMITE MASSIMO EURO 30.743,70; 

Il valore dei minimali e massimali industria sono determinanti, oltre che ai fini delle prestazioni, per la determinazione di diversi valori convenzionali su cui calcolare i premi Inail.

 A tal fine si ritiene utile proporre i principali valori convenzionali collegati alla modifica dei minimali e massimali di rendita del settore industria. 

a)   Lavoratori di area dirigenziale

Il suddetto massimale di rendita costituisce (art.4, comma 1, Dlgs 38/2000) la retribuzione convenzionale, a partire dal 01/07/2019, base imponibile per il calcolo del premio dovuto all'INAIL per i lavoratori di area dirigenziale.

Il valore convenzionale giornaliero è fissato in euro 102,48. Il valore convenzionale mensile si ottiene moltiplicando per 25 quello giornaliero. La retribuzione imponibile in caso di frazione di mese si ottiene moltiplicando il valore giornaliero per i giorni effettivamente lavorati/retribuiti. 

In sintesi, i valori sono i seguenti:

Retribuzioni imponibili Inail dall'1.7.2019 area dirigenziale:

  • Valore giornaliero: € 102,48
  • Valore mensile: € 2561,98 

Per i lavoratori dell'area dirigenziale con contratto part-time l'imponibile convenzionale orario si ottiene dividendo il valore giornaliero per 8 e successivamente moltiplicandolo per l'orario previsto dal contratto a tempo parziale. Il valore convenzionale orario di conseguenza è pari a euro 12,67 (101,36: 8). 

b)    Lavoratori parasubordinati (cococo / amministratori)

Ai fini della determinazione dei premi relativi ai collaboratori coordinati e continuativi, l'art.5, comma 4 Dlgs 38/2000 prevede che la base imponibile sia costituita dai compensi effettivamente percepiti, nei limiti del minimale e del massimale di rendita.

Come visto sopra il minimo annuale è pari a € 16.554,30 e il massimo annuale è pari a € 30.743,70 (per ottenere il valore convenzionale mensile si divide per 300 il valore annuo e poi lo si moltiplica per 25). I citati limiti annui sono riducibili soltanto a mese: si dovrà cioè conteggiare l'eventuale frazione di mese come mese intero.

In sintesi, i nuovi valori sono i seguenti:

Retribuzioni imponibili Inail dall'1.7.2019 lavoratori parasubordinati:

·        Minimale mensile € 1.379,53

·        Massimale € 2.561,98·         

c)   Lavoratori impegnati in tirocini formativi e di orientamento (stage) - soggetti "svantaggiati"
A seguito dell'aggiornamento dei valori di rendita, anche per questi soggetti deve essere preso a riferimento per il pagamento dei premi INAIL il nuovo minimale di rendita del settore industria.

In sintesi, i nuovi valori sono i seguenti:

Retribuzioni imponibili Inail dall'1.7.2019 tirocinanti e svantaggiati:

·        Valore giornaliero: € 55,18

·        Mensile: €  1.379,53 

I minimali di rendita del settore industria sin qui analizzati, costituiscono riferimento anche per la determinazione dei premi INAIL nei seguenti casi:

Allievi di corsi di istruzione professionale;

Detenuti ed internati per "attività occupazionale", che lavorano per conto di ditte concessionarie di manodopera o per conto di imprese private;

Lavoratori impegnati in lavori socialmente utili e di pubblica utilità;

Lavoratori in P.I.P. (progetti di inserimento professionale);

Lavoratori inseriti in borse lavoro.

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x