BANDIeCONTRIBUTI

NOVITÀ NUOVA SABATINI 2022

Le modalità, i termini e gli schemi di presentazione delle domande saranno definiti con successivo provvedimento

Categorie: Bandi e Contributi

Tags: Sabatini,   2022

Il Decreto interministeriale MISE – MEF del 22 aprile 2022, pubblicato nella GU del 16 giugno 2022, disciplina alcune importanti novità introdotte in ordine alla nota e collaudata misura di agevolazione nota come “Nuova Sabatini”. Il suo funzionamento, comunque, non muta in modo significativo: come si ricorderà, si tratta di contributi in conto interessi su finanziamenti erogati da banche o da altri intermediari finanziari (es. società di leasing finanziario, ecc.) aderenti alla Convenzione specifica conclusa fra MISE, ABI e CDP. Di seguito, si riportano i tratti essenziali, rimandando alla lettura del Decreto per ogni dettaglio.

Gli investimenti ammissibili (sempre per beni nuovi di fabbrica) riguardano:

a) Investimenti in beni strumentali,

b) Investimenti 4.0,

c) Investimenti green,

d) Investimenti in beni strumentali e investimenti di cui alle lettere b) e/o c). 

L’art. 1 del Decreto contiene le definizioni degli investimenti ammissibili di cui alle lettere indicate sopra. Inoltre, gli obiettivi dei programmi agevolabili attraverso la misura in esame sono analiticamente riportati nell’allegato 1 al Decreto.

Come noto, la concessione del contributo è condizionata all’adozione di una delibera di finanziamento in favore di una PMI da parte di un soggetto finanziatore (banca, società di leasing finanziario, ecc.) aderente alla Convenzione di cui sopra, per un valore non inferiore a 20.000 euro e non superiore a 4.000.000 euro. Il finanziamento può coprire sino al 100% delle spese ammesse, anche frazionato in più iniziative di acquisto.

Il contributo erogato dal MISE a titolo di contributo in conto impianti è determinato sulla base degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento della durata di 5 anni ad un tasso di interesse del:

- 2,75% per gli investimenti in beni strumentali,

- 3,575% per gli investimenti 4.0 e investimenti green. 

Possono fare domanda alla Nuova Sabatini le PMI di tutti i settori regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese, non in liquidazione e non oggetto di procedure concursuali (tranne attività finanziarie e assicurative e quelle connesse all’esportazione).

Il Decreto disciplina, inoltre, un contributo maggiorato a favore delle micro e piccole imprese che effettuano investimenti nelle Regioni del Meridione (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia); tali imprese devono avere sede legale o un’unità locale nelle Regioni citate. Il tasso di interesse medio annuo considerato per il calcolo del contributo viene portato al 5,5%. Per tali interventi sono disponibili risorse attualmente pari a 60 milioni.

Le modalità, i termini e gli schemi di presentazione delle domande saranno definiti con successivo provvedimento del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese, pubblicato sul sito del MISE www.mise.gov.it .

Per il testo del Decreto e tutti i dettagli della misura, si rinvia al link https://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/beni-strumentali-nuova-sabatini

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x