RASSEGNAstampa

FASCICOLO VIRTUALE OPERATORE ECONOMICO - FVOE

Operativo dal 25 ottobre 2022 sostituisce il sistema Avcpass

Categorie: Ti segnaliamo

Tags:

Il 25 ottobre è diventato operativo il Fascicolo virtuale dell’operatore economico (FVOE) istituito presso la banca dati ANAC ed è il nuovo strumento che consente alle stazioni appaltanti di verificare per via telematica i requisiti di partecipazione alle gare di appalto pubbliche, sia quelli di carattere generale che quelli tecnico-organizzativo ed economico-finanziario comprovabili mediante documenti specifici; verifica dei requisiti che non si ferma alla fase di aggiudicazione ma viene estesa alla fase di esecuzione e dunque al mantenimento dei requisiti da parte di chi si è aggiudicato la gara e di eventuali subappaltatori.

Il FVOE sostituisce il precedente sistema Avcpass e verrà utilizzato per tutte le procedure di affidamento.

L’operatore economico deve obbligatoriamente effettuare la registrazione al servizio FVOE e individuata la procedura di affidamento a cui intende partecipare, ottiene dal sistema un codice “PASSOE” da inserire nella busta contenente la documentazione amministrativa. Tramite un’area dedicata, carica i documenti che dimostrano il possesso dei requisiti speciali non reperibili presso Enti certificatori e la cui produzione è a proprio carico.

Il FVOE consente all’operatore il riutilizzo dei documenti già presenti nel fascicolo per la partecipazione a più procedure di affidamento, nei termini di validità temporale degli stessi (di norma 120 giorni) e consente alle stazioni appaltanti il riuso dell’esito delle verifiche effettuate sul possesso dei requisiti per la partecipazione ad altre procedure di affidamento. Sarà infatti istituito l’elenco degli operatori economici già verificati, che permetterà alle stazioni appaltanti di monitorare lo status dei partecipanti e di utilizzare gli accertamenti già effettuati da un’altra stazione appaltante per ammettere l’operatore economico alla gara, velocizzando l’attività di verifica dei requisiti generali (white list).

Ai fini delle verifiche, la stazione appaltante, attraverso il soggetto abilitato, trasmette tramite il sistema la richiesta dei documenti a comprova dei requisiti per gli operatori economici selezionati; successivamente l’Autorità avvia presso gli Enti certificatori le richieste dei documenti, mettendoli a disposizione del soggetto abilitato non appena disponibili.

 

1. I documenti che comprovano il possesso dei requisiti di carattere generale messi a disposizione attraverso il Fascicolo dagli enti certificanti sono:

- Visura Registro delle Imprese fornita da Unioncamere;

-        Certificato del casellario giudiziale integrale fornito dal Ministero della Giustizia;

-        Anagrafe delle sanzioni amministrative – selettivo ex art.39 d.P.R. n.313/2002 dell’impresa, fornita dal Ministero della Giustizia;

-        Certificato di regolarità contributiva di ingegneri, architetti e studi associati, fornito dalla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti (Inarcassa);

-        Comunicazione di regolarità fiscale fornita dall’Agenzia delle Entrate;

-        Comunicazione Antimafia fornita dal Ministero dell’Interno.

2. La documentazione e/o i dati a comprova dei requisiti di carattere tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, in prima applicazione, includono:

-        fatturato globale e ammortamenti degli operatori economici costituiti in forma d’impresa individuale ovvero società di persone, ove disponibili, forniti da parte dell’Agenzia delle Entrate;

-        dati relativi alla consistenza e al costo del personale dipendente, forniti da parte dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS).

3.      La documentazione a comprova dei requisiti di carattere tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, in prima applicazione, include:

-        le Attestazioni SOA;

-        i Certificati Esecuzione Lavori (CEL).

-        le ricevute di pagamento del contributo obbligatorio all’Autorità da parte dei soggetti partecipanti.

 

Mediante il Fascicolo sono effettuati:

·     la verifica dell’assenza dei motivi di esclusione e del possesso dei requisiti per la partecipazione alle procedure di affidamento disciplinate dal codice dei contratti pubblici. Per le procedure di importo inferiore a 40.000 euro l’utilizzo del sistema è facoltativo, previa acquisizione di un CIG ordinario;

·     il controllo della dichiarazione del subappaltatore attestante l'assenza dei motivi di esclusione di cui all'articolo 80 e il possesso dei requisiti speciali di cui agli articoli 83 e 84 del codice;

·     il controllo del possesso dei requisiti di selezione e dell’assenza dei motivi di esclusione ai sensi dell'articolo 80 in capo ai soggetti ausiliari;

·     il controllo in fase di esecuzione del contratto della permanenza dei requisiti.

 

 

 

Tag:

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x