leNOTIZIE

SUPERBONUS E SOA, ATTESTAZIONE OBBLIGATORIA

SUPERBONUS E SOA, ATTESTAZIONE OBBLIGATORIA

Vincolo dal 1° luglio per i lavori di importo superiore ai 516.000 euro

Categorie: Lavoro e Servizi

Tags:

Dal 1° luglio 2023 è scattato l'obbligo di attestazione SOA per le imprese esecutrici di lavori di importo superiore a 516.000 euro in caso di realizzazione di cantieri rientranti nelle agevolazioni previste dal Superbonus ed è terminato il periodo transitorio 1° gennaio – 30 giugno 2023 previsto dalla norma.

Durante il periodo transitorio, infatti, per godere delle agevolazioni del Superbonus, è stato possibile affidare i lavori ad imprese che, se non già in possesso della certificazione Soa, al momento della sottoscrizione del contratto di appalto o subappalto, avessero firmato un contratto finalizzato al rilascio della predetta certificazione.

 

Con circolare n. 10 del 20 aprile 2023 l’Agenzia delle Entrate è intervenuta per fornire alcuni chiarimenti.

Ribadendo l’obbligo di affidamento dei lavori di importo superiore a 516mila euro esclusivamente alle imprese in possesso della certificazione SOA, per vedere riconosciuti gli incentivi fiscali, la circolare ha chiarito che:

- le “condizioni SOA” riguardano sia la fruizione della detrazione sia l’esercizio delle opzioni di sconto in fattura e cessione del credito, relative agli interventi previsti dall’articolo 119 (Superbonus) e dall’articolo 121, comma 2, del Dl n. 34 del 2020 (bonus diversi dal Superbonus). Non sono invece applicabili alla detrazione le spese riguardanti l’acquisto delle unità immobiliari di cui all’articolo 16-bis, comma 3, del Tuir e a quello di “case antisismiche” di cui all’articolo 16, comma 1-septies, del Dl n. 63/2013.

 

- per i lavori in corso di esecuzione al 21 maggio 2022 (data di entrata in vigore del Dl n. 21/2022) e per i contratti stipulati prima di tale data è possibile fruire degli incentivi fiscali a prescindere dalla SOA, anche per le spese sostenute dopo il 1° luglio 2023.

 

- per i contratti stipulati a decorrere dal 21 maggio 2022 è possibile godere degli incentivi fiscali, per le spese sostenute dal 1° gennaio 2023, solo se le imprese sono in possesso della certificazione SOA o dimostrino di avere sottoscritto un contratto finalizzato al rilascio della certificazione, mentre per le spese sostenute dal 1° luglio 2023, la detrazione è possibile solo se, entro tale data, è avvenuto il rilascio della certificazione SOA.

La detrazione relativa alle spese sostenute fino al 30 giugno 2023 è ammessa, anche qualora la predetta impresa non ottenga la certificazione SOA in esito alla richiesta.

 

- il limite di 516mila euro deve essere calcolato singolarmente su ciascun contratto di appalto e su ciascun contratto di subappalto, tenendo conto dell’importo dei lavori al netto dell’Iva.

Le “condizioni SOA” devono essere rispettate dall’impresa appaltatrice, nel caso in cui il valore dell’opera complessiva superi i 516mila euro, nonché dalle imprese subappaltatrici solo qualora le stesse eseguano lavori di importo superiore a tale soglia.

 

In allegato

AE Circ. 10/2023

Tag:

Documenti da scaricare

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x